My Spy: La Città Eterna, Dave Bautista torna in azione nel trailer del film sequel

Anna Montesano

My Spy Città Eterna trailer

My Spy: La Città Eterna regala al pubblico un primo sguardo con un trailer che ritrova Dave Bautista e Chloe Colman. Il primo film, dal titolo My Spy, ha fatto il suo esordio nel 2020 e ha ottenuto un buon successo. Motivo per il quale dopo poco è stato confermato il sequel. Questa volta, il personaggio di Bautista cerca di sventare un complotto terroristico. Non mancano però, come sempre accade nei film di Pete Segal, tanto umorismo a bilanciare con l’azione.

la sinossi di my spy: la città eterna, anticipazioni dal trailer

Qual è, quindi, la trama di My Spy: La Città Eterna? La sinossi del nuovo film, che arriverà su Prime Video, recita: Quando il coro del liceo di Sophie (Coleman) viene selezionato per un tour italiano che culmina con un’esibizione per il Papa nella Città del Vaticano, JJ (Bautista) vede questa come un’opportunità per legare con la sua nuova figliastra, quindi decide di farlo. Piuttosto scopre che lui e Sophie sono diventati pedine inconsapevoli di un complotto terroristico che potrebbe porre fine al mondo come lo conosciamo.

Di seguito il trailer di My Spy: La città eterna.

Le star Ken Jeong e Kristen Schaal, che tornano dunque nel sequel, sono affiancate da Anna Faris, Craig Robinson e Flula Borg in questo nuovissimo film internazionale. Una commedia d’azione che promette, dunque, grandi emozioni ma anche sorrisi e azione.

LEGGI ANCHE: MARVEL, DAVE BAUTISTA PRONTO A TORNARE: “HO CHIUSO CON DRAX MA VALUTEREI UN ALTRO RUOLO”

dave bautista e le parole sul primo my spy

Ai tempi in cui il film stava per essere distribuito, il progetto di Dave Bautista ha avuto lo stesso intoppo che nel 2020 che hanno avuto molti film. Si rischiava, infatti, che il film non uscisse, visti gli impedimenti nati dalla pandemia di Covid. Prime Video è allora intervenuta per rendere My Spy disponibile per lo streaming. Nel podcast Inside of You con Michael Rosenbaum, la star dei Guardiani della Galassia ha affermato che voleva solo che la commedia avesse una possibilità di combattere.

Immagine in copertina tratta dal poster del film My Spy.