Vita da gatto, Plaion Pictures presenta due clip esclusive del film

Rosanna Donato

Vita da gatto film 2024 nuove clip

Plaion Pictures ha diffuso due nuove clip esclusive tratte dal film live-action per tutta la famiglia Vita da gatto, diretto da Guillaume Maidatchevsky e nei cinema dal 18 aprile 2024.

Vita da gatto (2024): la trama, il cast e le clip del film

Premiato come miglior film nella sezione Elements +6 al Giffoni Film Festival 2023, Vita da gatto narra una storia di amicizia e crescita dal significato universale i cui protagonisti sono Clémence e il cucciolo Rroû. Inseparabili fin dal primo momento, i due sono compagni di vita e curiosi l’uno verso l’altro. Imparano giorno dopo giorno a conoscersi e rispettarsi a vicenda, instaurando un rapporto di fiducia e supporto reciproco per superare eventi significativi nella loro vita: la perdita, la separazione e la scoperta della propria natura più intima, oltre a scoprire che crescere significa imparare a prendere decisioni difficili, come scegliere cos’è meglio per coloro che amiamo, umani o animali che siano.

Oltre alle magnifiche riprese grazie alle quali il regista ci porta alla scoperta del mondo felino più vero e autentico, attraverso gli occhi del gattino protagonista Rroû, il film porta sul grande schermo situazioni e temi comuni oggi a molte famiglie. Maidatchevsky ha affermato di voler trasmettere attraverso questo film l’idea che l’animale domestico – in questo caso un gatto – possa essere un supporto fondamentale nell’aiutare i bambini a crescere e a superare i momenti difficili e potenzialmente traumatici nel corso della loro crescita.

Le clip

Proprio come vediamo accadere nella clip “Separazione” alla piccola Clémence, che dall’apparente tranquillità e stabilità della sua vita parigina si trova d’un tratto costretta ad affrontare una nuova soluzione abitativa in campagna, oltre all’improvvisa separazione dei suoi genitori. Un mondo, quello immerso nella natura francese, che consentirà a Clémence di fare la conoscenza anche di nuovi amici, come la vicina di casa Madeleine (Corinne Masiero), presentata nella clip “Rrou e la strega” e sempre accompagnata dal fedele cane Rambo.

Un legame, quello tra Rambo e la donna, che riflette il legame fra la giovane protagonista e il suo cucciolo, che possono contare sulla reciproca compagnia e sull’ amore incondizionato l’una per l’altro. Una teoria sposata da numerosi esperti che concordano nell’affermare che un gatto sia un compagno di giochi ideale e favorisca lo sviluppo psicologico del bambino, il quale è portato a confidargli le proprie giornate, i propri sentimenti, i dubbi, le storie immaginarie. Un gatto è una presenza emotiva che toglie lo stress e distrae nei momenti di difficoltà e di solitudine.

Di seguito le due clip inedite:

Le dichiarazioni sul film

Divertente, commovente, imprevedibile, sorprendente, misterioso, il gatto sa conquistare adulti e bambini, esattamente come questo film, che sa parlare agli spettatori più piccoli ma anche e soprattutto ai loro genitori. “Questo film mi ha permesso di mettere insieme la mia esperienza – so cosa sia una separazione – e il mio modo di lavorare con gli animali”, afferma il regista Maidatchevsky. “E poi Vita da gatto è una storia di apprendimento su come due persone possono costruirsi. Mostra come, durante una separazione, una terza parte – in questo caso il gatto – intervenga per aiutare. […] Credo molto nell’idea che un animale possa portare serenità”.

“Ogni animale ha una sua personalità e un suo modo di approcciarsi all’altro, per instaurare con loro una relazione autentica è necessario condividere, comunicare, osservare e ascoltare – proprio come accade tra gli esseri umani”. A insegnarcelo è Lisa Humblot, responsabile degli animali sul set del film.

Queste invece le parole dell’addestratrice Muriel Bec:

Ogni animale viene inserito sul set con stimoli legati al suo comportamento naturale. La difficoltà con il gatto è che è classificato come animale domestico. Ma in realtà lo affronto come un animale selvatico. […] Il mio lavoro consiste nel preparare, addestrare un animale in modo che sia disponibile per le riprese. Sono come l’istruttrice di un attore bambino. Faccio in modo che possa recitare il suo ruolo in condizioni che non gli sono naturali, rispettando i suoi codici. Tutti gli animali possono recitare davanti a una telecamera, anche se alcuni sono più cinematografici di altri. Ma ho già diretto formiche o mosche. Tutto dipende dalla conoscenza della specie e dalle manipolazioni che devono essere adattate.

LEGGI ANCHE: SCHINDLER’S LIST IN BLU-RAY 4K: RAROFILM STUDIOS CELEBRA UN CAPOLAVORO INDIMENTICABILE

Tratto dal romanzo Rroû, classico francese di Maurice Genevoix, Vita da gatto è nei cinema italiani dal 18 aprile distribuito da Plaion Pictures.

L’immagine di copertina è tratta dal poster ufficiale del film Vita da gatto.