A Quiet Place: Giorno 1, il trailer finale e le nuove rivelazioni dei protagonisti sul film

Anna Montesano

A quiet place giorno 1 trailer film featurette

A Quiet Place: Giorno 1 ha lanciato il suo trailer finale prima che il prequel arrivi nei cinema questa settimana. Lupita Nyong’o e Joseph Quinn sono i protagonisti dell’ultimo capitolo della serie.

Dal trailer finale alle parole di joseph quinn sui dialoghi di a quiet place: giorno 1

Il portale ComicBook è riuscito a fare una chiacchierata con Joseph Quinn riguardo i dialoghi del film A Quiet Place: Giorno 1. La star ha parlato del modo in cui si è avvicinato a una sceneggiatura con meno parole di quelle normalmente presenti sulla pagina per una produzione di queste dimensioni. Gran parte del lavoro del film è fisico e questo rende ogni movimento più nitido poiché deve trasmettere informazioni al pubblico. Anche i momenti di conversazione devono essere vissuti con un senso di disagio e trepidazione. Ciò aiuta moltissimo il film.

È stato un momento molto interessante in cui trovarsi, dove il dialogo è stato molto efficace e ha in qualche modo smascherato un sacco di sottotesti, ha detto Joseph Quinn. È stato molto comunicativo in un modo che era urgente, credo, perché l’unica ragione per cui parlerai in un ambiente come questo, che è pericoloso se fai rumore, è quando è assolutamente urgente. Il resto spettava a noi riempirlo.

LEGGI ANCHE: A QUIET PLACE: GIORNO 1, INEDITI RETROSCENA DEL FILM NELLA NUOVA FEATURETTE

alex wolff spiega cosa ci attende

Coloro che si aspettano un vero e proprio horror, potrebbero rimanere delusi da A Quiet Place: Giorno 1. Sembra che tensione e paura non mancheranno, ma non arriveranno nel modo in cui il pubblico si aspetta. L’attore Alex Wolff ha parlato con DiscussingFilm, spiegando che A Quiet Place Giorno 1 sembra più un dramma che un film horror in alcune parti.

Di seguito le parole di Alex Wolff: Non è un film horror, non proprio. Potrei finire nei guai per averlo detto, Viene dal regista di Pig quindi è molto… È più un dramma. È strano passare da un film da 2 milioni di dollari a un film da 100 milioni di dollari. Ci sono solo quattro o cinque personaggi, quindi è stato un po’ come realizzare Pig, solo su larga scala.

Immagine in copertina dal poster del film.