Almodovar – Corpi in prestito, la rassegna dedicata al regista al cinema: i film e la data

Rosanna Donato

Almodovar - Corpi in prestito film rassegna cinema data

CG Entertainment ha annunciato una nuova rassegna dedicata al più sovversivo regista spagnolo di tutti i tempi: Almodovar – Corpi in prestito approda nelle sale italiane con cinque film di culto in versione restaurata dal prossimo 10 giugno 2024. I film che compongo la rassegna sono: Kika – Un corpo in prestito (1993), Il fiore del mio segreto (1995), Parla con lei (2002), La mala educación (2004) e Volver (2006).

Ricordiamo che nell’estate 2023 con La forma del desiderio CG Entertainment aveva portato in sala cinque film cult degli anni ’80: L’indiscreto fascino del peccato, Che ho fatto io per meritare questo?, La legge del desiderio, Donne sull’orlo di una crisi di nervi, e Tacchi a spillo. Il progetto prosegue ora con Corpi in prestito, offrendo al pubblico la possibilità di esplorare l’evoluzione poetica ed estetica di Almodóvar in un percorso che parte dagli anni ’90 e arriva alla prima metà degli anni 2000. I cinque film saranno proiettati in versione restaurata grazie ai materiali in alta definizione resi disponibili da Newen Connect. La rassegna è distribuita in sala da CG Entertainment in collaborazione con Cinema Beltrade – Barz and Hippo.

La rassegna Almodovar – Corpi in prestito al cinema: i film restaurati

Pedro Almodóvar è uno dei registi più iconici e audaci del cinema contemporaneo. Con uno stile unico e un’attenzione particolare alla rappresentazione della complessità umana, ha lasciato un’impronta indelebile nel panorama cinematografico internazionale. Tra i temi centrali delle sue opere, il corpo riveste un ruolo fondamentale, diventa uno strumento narrativo attraverso il quale esplorare i desideri, le relazioni e le identità.

Con Kika – Un corpo in prestito (1993) Almodóvar mette in scena un’opera carica di provocazione, dove i corpi dei personaggi diventano oggetto di desiderio, manipolazione e trasgressione. Il corpo diventa una metafora della società contemporanea, con le sue ossessioni e le sue perversioni.

Ne Il fiore del mio segreto (1995) Almodóvar affronta il tema del corpo in modo più intimo e delicato: la protagonista Leo – un’immensa Marisa Paredes –  si trova a confrontarsi con il suo corpo e con la sua identità in un viaggio interiore che la porta a riscoprire se stessa e a liberarsi dalle convenzioni che la soffocano.

Oscar per la migliore sceneggiatura originale e Golden Globe per il miglior film straniero, Parla con lei (2002) vede il corpo diventare il confine tra la vita e la morte, ma anche il mezzo attraverso il quale esprimere amore, desiderio e intimità. Almodóvar esplora la fragilità e la forza del corpo umano, la sua capacità di connessione e di comunicazione anche al di là delle parole.

Gli ultimi film della rassegna

In La mala educación (2004) –  con un grande Gael Garcia Bernal – si intrecciano storie di passione, violenza e perdono, in cui i corpi dei personaggi sono prigionieri dei loro desideri più oscuri e delle loro esperienze traumatiche. Almodóvar esplora la vulnerabilità dei corpi di fronte al potere e alla manipolazione. “La mala educación” ha vinto il BAFTA come miglior film straniero e ha ottenuto una nomination agli Oscar® per la migliore sceneggiatura.

Infine, con Volver (2006) Almodóvar esplora il tema della maternità, della morte e della rinascita attraverso il corpo delle donne, che diventa il luogo della vita e della morte, della sofferenza e della resilienza. I corpi femminili sono fonte di forza e di saggezza, di gioia e di dolore. Premio per la migliore interpretazione femminile al cast del film al Festival di Cannes: Penélope Cruz, Carmen Maura, Lola Dueñas, Chus Lampreave, Yohana Cobo, Blanca Portillo. Penelope Cruz ha ottenuto anche la nomination agli Oscar.

LEGGI ANCHE: CONOR MCGREGOR, COMPENSO DA CAPOGIRO PER ROAD HOUSE: È L’ESORDIENTE PIÙ PAGATO DI SEMPRE

L’immagine di copertina è tratta dal poster ufficiale della rassegna (via comunicato stampa)