Il Corvo: Alex Proyas, regista del film originale, critica il reboot con Bill Skarsgard

Anna Montesano

Il Corvo reboot Bill Skarsgård

C’è grande attesa per il reboot de Il Corvo. Dopo l’adattamento cinematografico del noto fumetto del 1994, l’oscuro personaggio protagonista farà il suo ritorno sullo schermo nel film in uscita il 7 giugno 2024. Dopo il compianto Brandon Lee sarà Bill Skarsgard, noto per il ruolo del clown Pennywise nel film IT, a vestire i panni di Eric Draven; panni che, a quanto pare, non sono però piaciuti al regista del film originale Alex Proyas.

Il regista Alex Proyas deride il look di Bill Skarsgard nel reboot de Il Corvo

Alex Proyas è il regista de Il Corvo del 1994, e stando alle sue ultime uscite non è affatto soddisfatto del reboot in uscita. Lo ha palesato criticando pubblicamente le prime immagini ufficiali di Bill Skarsgård nei panni di Eric Draven. Con un post pubblicato su Facebook, Proyas ha condiviso un’immagine che vede Skarsgård seduto davanti ad un falò al fianco della Shelly Webster di FKA Twigs. Così ha criticato sarcasticamente il look del personaggio, scrivendo: Eric Draven sta avendo una brutta giornata con i capelli. Al prossimo reboot, grazie.

Il Corvo reboot

Parole che non lasciano dubbi sul pensiero di Alex Proyas sul reboot de Il Corvo. Ma se ci fossero ancora dubbi, il regista ha poi continuato con le sue critiche nei commenti del post. Immagino che dovrebbe essere un cattivo idiota con tutti quei tatuaggi, lupi mannari e teschi sulla giacca, ha scritto Proyas. Va d’altronde ricordato che il regista si è dimostrato contrario al reboot sin dall’inizio, e di certo non sembra aver cambiato idea viste le sue ultime uscite.

LEGGI ANCHE: IL CORVO: LA PRIMA IMMAGINE UFFICIALE MOSTRA BILL SKARSGÅRD NEI PANNI DI ERIC DRAVEN

Il Corvo, il regista spiega com’è nato il look di Bill Skarsgard

A proposito del look del nuovo Eric Draven, il regista del reboot de Il Corvo ha spiegato in una recente intervista com’è nata l’idea di dargli questo aspetto.

Penso che la bellezza di Bill sia che ha una bellezza inquietante, e mentre si trasforma attraverso la sua perdita diventa qualcosa che nemmeno lui può controllare, ha dichiarato il regista a Vanity Fair, come riporta ComicBook. È quella famosa frase: ‘Chi combatte i mostri deve stare attento che non lo diventino.’ Quello sguardo ero io negli anni ’90, quando facevamo squat-raving a Londra, [mixato con alcune influenze moderne] come Post Malone e Lil Peep. Spero che le persone che hanno 19 anni oggi lo guardino e dicano: Quel ragazzo siamo noi.

Foto in copertina tratta da poster ufficiale de Il Corvo