Jake Paul e Mike Tyson su Netflix: tutto sull’incontro di boxe dell’anno

Rosanna Donato

Jake Paul e Mike Tyson Netflix

All’iconico Apollo Theatre di New York, the Problem Child, Jake “El Gallo de Dorado” Paul (9-1, 6 KO) e the Baddest Man on the Planet Mike Tyson (50-6, 44 KO) si sono incontrati per la prima volta faccia a faccia da quando Netflix e Most Valuable Promotions (MVP) hanno annunciato il loro imminente scontro. L’incontro professionistico di otto round da due minuti Paul vs. Tyson sarà trasmesso in streaming in diretta a livello globale solo su Netflix sabato 20 luglio 2024 dall’AT&T Stadium da 80.000 posti ad Arlington, Texas, sede dei Dallas Cowboys della NFL.

Nell’attesissimo co-main event, l’indiscussa campionessa mondiale dei pesi superleggeri Katie Taylor (23-1, 6 KO) difenderà il suo titolo durante 10 round da due minuti contro la pioniera della boxe e campionessa mondiale unificata dei pesi piuma Amanda “The Real Deal” Serrano (46-2-1, 30 KO) nella rivincita più attesa nella storia della boxe femminile. Oltre 120.000 persone si sono già iscritte per i biglietti ad accesso anticipato (https://www.mostvaluablepromotions.com/). Mentre tutti i biglietti rimanenti saranno messi in vendita giovedì 16 maggio alle 18:00 CET. Di seguito potete vedere le immagini della conferenza stampa:

Jake Paul e Mike Tyson su Netflix: l’incontro di boxe dell’anno

Le dichiarazioni: Jake Paul

Durante la conferenza stampa di presentazione organizzata da Netflix e Most Valuable Promotions, moderata dal famoso giornalista di sport da combattimento Ariel Helwani, Jake Paul, Mike Tyson, Katie Taylor e Amanda Serrano hanno avuto molto da dire sugli imminenti incontri.

Sulle difficoltà nel convincere Mike Tyson, Jake Paul ha detto: “Era pronto. Penso che abbia sempre desiderato farlo. È passato molto tempo. Ci siamo chiamati a vicenda per anni e finalmente siamo riusciti a farlo succedere su Netflix, la piattaforma più importante del mondo, e le cose continuano a diventare sempre più grandi e migliori. Il co-main event [Katie Taylor vs. Amanda Serrano]… voglio dire, è letteralmente storia quella a cui stiamo assistendo, proprio qui. Mike lo voleva. Mike voleva che fosse un incontro da professionisti. Vuole la guerra e quindi lo rispetto. Lo rispetto per aver accettato questa lotta, per essersi fatto avanti per cercare di mettermi KO, perché quello che tutti questi combattenti hanno cercato di fare è porre fine allo YouTuber. Se Mike ci riesce, allora è un eroe”.

Come si è concluso l’accordo con Netflix? Il diretto interessato ha svelato: “È Most Valuable Promotions che ha cambiato le regole del gioco da quando è entrata nel settore promozionale, continuiamo a salire di livello e a fare le cose in modo diverso e vediamo lacune nel mercato che nessun altro ha identificato. Volevamo lavorare con Netflix, a loro è piaciuta l’idea e capiscono la visione di ciò che stiamo costruendo, che tipo di eventi possiamo organizzare. Questo è letteralmente il più grande scontro del 21° secolo, perché è Mike Tyson contro di me, ma anche perché sarà disponibile per 700 milioni di nuclei domestici su Netflix gratuitamente, per tutti coloro che sono abbonati”.

Lo scontro

Su coloro che dubitano di lui e sull’importanza che questo sia un incontro da professionisti, ha poi aggiunto: Mostrerò al mondo che posso sconfiggere Mike Tyson, dimostrerò a tutti che si sbagliano, che sono io quello pericoloso. Dopo la firma del contratto, abbiamo ricevuto una chiamata dal team di Mike. Ci hanno detto: ‘Ehi, vuole sicuramente che sia un incontro da professionisti. Lo vuole. Vuole mettere tutto in gioco’. Rispetto Mike per questo e se voleva che fosse così, allora facciamolo.

Per quanto riguarda invece l’affrontare la forza di Mike Tyson e la possibilità di ricevere un suo pugno, Paul ha dichiarato: “Sono un peso massimo nato. Questo è ciò per cui sono nato, salire in questa classe di peso. Mostrerò a Mike chi è più forte, perché mi sta sottovalutando. Penso che tutti mi stiano sottovalutando e credo di poter colpire più forte. So che sarà dura, che dovrò combattere le avversità, e so anche che potrei anche finire KO. Ho paura, non fraintendetemi, ma non è la paura a fermarmi. Si tratta di affrontarlo nonostante la paura. Questo è il vero coraggio. Per quanto riguardo il pugno, lo chiamano Iron Mike Tyson, ma io sono Titanium Jake Paul”.

Le dichiarazioni: Mike Tyson

Sul motivo per cui alla fine ha accettato l’incontro che sarà trasmesso su Netflix, Mike Tyson ha detto: “È stato spontaneo. Lui è un ragazzo emergente sulla scena, mi piace scuotere il mondo dello sport nel profondo e adesso lo sto facendo. È semplicemente qualcosa che voglio fare”. Mentre sulla differenza d’età ha riferito: “Sono bello. Questo è tutto quello che posso dire”. Sulla domanda se l’obiettivo sia quello di sconfiggere Jake Paul, ha risposto: “Una volta che è su quel ring, deve combattere come se la sua vita dipendesse da questo, perché sarà così”. Infine, Tyson ha parlato anche delle regole modificate: “Volevo round più brevi per ottenere più azione. Se abbiamo solo due minuti, combatteremo di più”.

Il co-main event: Katie Taylor e Amanda Serrano

Le dichiarazioni: Katie Taylor

Alla domanda se stiamo andando verso una trilogia o se si porrà fine alla rivalità, la Taylor ha dichiarato: “Un terzo incontro non è nella mia testa in questo momento. L’ho battuta la prima volta e ho intenzione di batterla una seconda volta”.

Come è nato questo incontro? “Beh, ho ricevuto una telefonata dal mio manager Brian qualche settimana fa, che mi ha detto che sarei stata sullo stesso ring di Mike Tyson e Jake Paul. E questo per me è solo un sogno. Penso all’anno scorso quando la mia famiglia mi ha chiesto, cosa vuoi fare prima di ritirarti? C’è qualcosa che vorresti ottenere a livello sportivo o qualcuno che vorresti incontrare? E una delle cose che ho detto è che mi piacerebbe incontrare Mike Tyson, e trovarlo accanto a me, un’icona di questo sport, una leggenda, è semplicemente incredibile”.

Per quanto concerne l’essere sullo stesso ring di Mike Tyson, ha detto: “È semplicemente una leggenda e un’icona. Mi sono innamorata di questo sport negli anni Novanta e Mike Tyson era il nome più importante della boxe in quel periodo. Era feroce ed è super emozionante da guardare, è anche molto informato. Adoro la sua conoscenza della boxe. Adoro ascoltarlo…. Non riesco proprio a credere di essere seduta accanto a Mike Tyson in questo momento. Mi sto pizzicando”.

La lotta iconica con Amanda e il consiglio alle donne

Sul combattere nei pesi superleggeri: “Sì, mi sento davvero bene in questa categoria di pesi… molte donne boxer vanno su e giù con il peso, e io mi sento molto, molto forte in questo modo. L’ultimo incontro che io e Amanda abbiamo combattuto è stato epico. È stata una lotta iconica, davanti a 20.000 persone al Madison Square Garden. Sembrava che tutto il Porto Rico e l’Irlanda fossero lì sul palco quella sera e ora possiamo farlo di nuovo davanti a 100.000 persone. La diretta su Netflix è sorprendente. Grazie mille a MVP per averci dato questa opportunità. È una cosa assolutamente iconica”.

Infine, consiglia alle donne che vogliono imparare a boxare: “Provateci e basta. Penso che sia il passo più difficile. A volte basta solo il primo passo in una palestra di boxe. Può essere intimidatorio entrare in una palestra di boxe, ci vuole molto coraggio. Quindi il primo passo è sempre il più difficile. Affrontatelo e non lasciate che nessuno vi batta in palestra”.

Le dichiarazioni: Amanda Serrano

Infine, alla conferenza stampa di presentazione dell’evento imperdibile, organizzato da Netflix e Most Valuable Promotions, dove erano presenti anche Mike Tyson e Jake Paul, ha partecipato anche Amanda Serrano, che sulla possibilità di vendicare la sua sconfitta nei confronti di Katie ha rivelato: “Penso che sarebbe successo in ogni caso perché il mio nome e quello di Katie saranno sempre legati l’uno all’altro, qualunque cosa accada, e sono felice di far parte di questa opportunità al fianco di Katie Taylor. È una grande campionessa, andremo là fuori e dimostreremo al mondo che meritiamo questa visibilità”.

Poi si è soffermata sul passaggio alla categoria dei superleggeri: “Tutti sanno che sono la campionessa unificata dei pesi piuma. L’ho detto molte volte, qualsiasi cosa oltre quel [peso], è difficile per me. Ovviamente [a] 135 libbre [non ho ottenuto la vittoria contro Katie], ma per avere l’opportunità di combattere Katie Taylor [di nuovo], ho accettato l’incontro [a] 140 libbre. Il suo team ha detto: ‘Devi farcela a 140’. Voglio davvero combattere. Questa lotta è per i fan, la grandezza richiede sacrificio. Quindi, ancora una volta, sto sacrificando il mio corpo. Sto sacrificando tutto per salire di tre categorie. L’ultima volta erano due categorie. Credo di aver vinto. Ho sentito Katie, penso che salendo ad un’altra categoria, potrei fare la stessa cosa. La mia forza sarebbe venuta con me e questa è una grande opportunità per entrambe. Devo solo mangiare di più. Sono latinoamericana, quindi posso mangiare molto più riso”.

Lo scontro con Katie e il recupero dopo l’infortunio

Inoltre, la Serrano ha parlato di ciò che porterà sul ring sabato 20 luglio: “[Ho intenzione] di andare là fuori e dare il massimo. Mi sono allenata. In modo un po’ diverso. Mi sto allenando in modo più intelligente, non più duro, e ” I’m going out there being vintage”.

E sulla possibile trilogia contro Katie? “Vedremo quella notte se Katie lo vorrà. Non lo so. Vedremo. Mi sto solo concentrando su questo incontro, sul raggiungere le 140 libbre, andare là fuori e dare il massimo”.

Infine, sul recupero dall’infortunio all’occhio di marzo e su ciò che non vede l’ora di fare, ha riferito: “Sto bene al cento per cento. Era la palpebra; non era il bulbo oculare, quindi sto benissimo. Sono pronta a partire il 20 luglio. Voglio ringraziare tutti in MVP, il mio allenatore, Jordan Maldonado, Netflix, tutti, anche il team di Katie Taylor per aver reso tutto questo possibile. Sono super emozionata. Combatteremo nel mondo di Jerry, quindi sono emozionata e non vedo l’ora che arrivi il 20 luglio. Diventerò una campionessa indiscussa di due categorie. Cosa posso dire?”

LEGGI ANCHE: THANK YOU, NEXT SU NETFLIX: LA RECENSIONE DEL PRIMO EPISODIO DELLA SERIE TV IN 5 MOTIVI

L’immagine di copertina è tratta dal comunicata stampa.