Oscar 2024, tutti i vincitori: trionfo per Oppenheimer

Anna Montesano

Vincitori Oscar 2024 Oppenheimer

I pronostici per i vincitori degli Oscar 2024 non sono stati delusi: è Oppenheimer ad aver trionfato nel corso della cerimonia. Il film sul padre della bomba atomica conquista ben sette Oscar su tredici nomination, tra le quali miglior attore protagonista, miglior attore non protagonista e miglior film. Tra i vincitori degli Oscar 2024 spicca però anche il film Povere Creature, con Emma Stone vincitrice dell’Oscar per la migliore attrice protagonista. Si tratta del secondo Oscar come migliore attrice per lei dopo quello vinto con il film La La Land. Nulla di fatto, invece, per film come Killers of the flower moon, Past Lives e per Io Capitano, il film di Matteo Garrone candidato a Miglior film internazionale.

Oppenheimer tra i VINCITORI degli OSCAR 2024

Ecco la lista completa con tutti i vincitori degli Oscar 2024:

  • Miglior film: Oppenheimer
  • Miglior regia: Christopher Nolan per Oppenheimer
  • Migliore attore: Cillian Murphy per Oppenheimer di Christopher Nolan
  • Migliore attrice: Emma Stone per Povere Creature! di Yorgos Lantimos
  • Migliore attore non protagonista: Robert Downey jr per Oppenheimer
  • Migliore attrice non protagonista: Da’Vine Joy Randolph per The Holdovers – Lezioni di vita
  • Miglior film internazionale: La zona di interesse di Jonathan Glazer
  • Miglior film d’animazione: Il ragazzo e l’airone di Hayao Miyazaki
  • Miglior documentario: 20 giorni a Mariupol di Mstyslav Chernov, Michelle Mizner e Raney Aronson-Rath.
  • Migliore fotografia: Hoyte van Hoytema per Oppenheimer – Migliori costumi: Holly Waddington per Povere Creature!
  • Miglior montaggio: Jennifer Lame per Oppenheimer
  • Miglior makeup e hairstyling: Nadia Stacey, Mark Coulier e Josh Weston per Povere Creature!
  • Migliore colonna sonora: Ludwig Göransson per Oppenheimer
  • Migliore canzone originale: What was I made for? da Barbie, music e lyric di Billie Eilish e Finneas O’Connell
  • Migliore scenografia: James Price e Shona Heath; Set Decoration, Zsuzsa Mihalek per Povere Creature!
  • Miglior sonoro: Tarn Willers e Johnnie Burn per La zona di interesse
  • Migliore sceneggiatura non originale: American Fiction adattata per lo schermo da Cord Jefferson – Migliore sceneggiatura originale: Anatomia di una caduta, scritta da Justine Triet e Arthur Harari
  • Migliori effetti speciali: Takashi Yamazaki, Kiyoko Shibuya, Masaki Takahashi e Tatsuji Nojima per Godzilla Minus One
  • Miglior corto d’animazione: War is over! di Dave Mullins e Brad Booker
  • Miglior corto live action: The wonderful story of Henry Sugar di Wes Anderson e Steven Rales
  • Miglior corto documentario: The last repair shop di Ben Proudfoot e Kris Bowers.

LEGGI ANCHE: POVERE CREATURE, WILLEM DAFOE A MILANO: IL VIDEO DELL’ANTEPRIMA ALLA FONDAZIONE PRADA

Foto in copertina tratta dal blu-ray di Oppenheimer (fonte Amazon)