Baby Reindeer, la storia vera che ha ispirato la serie TV Netflix

Anna Montesano

Baby reindeer storia vera

La serie TV di Netflix Baby Reindeer è tratta da una storia vera. Lo show, che ha ottenuto un grandissimo successo sin dal suo debutto sulla piattaforma streaming, porta in scena quanto accaduto realmente a Richard Gadd, comico scozzese vittima di stalking da parte di una donna, Martha Scott.

baby reindeer storia vera: un gesto gentile scatena un’ossessione

Nella serie TV Baby Reindeer, Richard Gadd è Donny, un aspirante comico che per mantenersi lavora in un pub. È qui che incontra per la prima volta Martha Scott. Un gesto gentile del protagonista verso la donna è la scintilla che scatena l’ossessione di Martha nei suoi confronti. Da quel momento, la donna inizia ad essere costantemente presente nella vita di Donny, fino a perseguitarlo con email e messaggi continui, seguendolo a casa e al lavoro. Martha diventa, a tutti gli effetti, una stalker che rende la vita del protagonista impossibile.

storia vera baby reindeer

Richard Gadd, in un’intervista, ha raccontato di aver ricevuto in totale dalla sua stalker 41.071 mail, 744 tweet, 46 messaggi facebook, 106 pagine di lettere e 350 ore di messaggi vocali. Ma non è tutto: la donna ha iniziato ad insinuarsi nella sua vita privata, minacciando sue possibili fidanzate o ex. Arriva anche ad aspettarlo alla fermata del bus sotto casa per 10 ore consecutive. A dispetto di quanto accade nella serie TV, Gadd non ha mai spiegato nelle varie interviste il destino della sua stalker. Ha solo riferito che la situazione è stata risolta. Al Times ha dichiarato avevo sentimenti contrastanti al riguardo: non volevo gettare in prigione qualcuno che era a quel livello di disagio mentale.

LEGGI ANCHE: REBEL MOON: LA DIRECTOR’S CUT AVRÀ UN RATING R PER “BRUTALE VIOLENZA E CONTENUTI SESSUALI”

baby reindeer, dal teatro alla serie tv: c’è più di un carnefice

Continuando a parlare della storia vera di Baby Reindeer (il cui titolo deriva da un nomignolo usato dalla stalker per la vittima), prima di diventare una serie TV, era uno spettacolo teatrale che Richard Gadd, scrittore, attore e comico scozzese, portava in scena ad Edimburgo. Il Guardian nel 2019 lo definì roba inquietante, un appello per un nuovo approccio legale allo stalking, un resoconto oscuro di due anime danneggiate incapaci di sfuggire alla presa dell’altra.

Baby reindeer storia vera serie tv

C’è da sottolineare che nella serie Tv Martha non è l’unica carnefice, in quanto si portano a galla anche altri drammi del protagonista, come gli abusi sessuali subiti, che spiegano poi in Baby Reindeer le motivazioni che hanno portato Donny ad attendere così tanto prima di denunciare la sua stalker.

le parole della vera martha scott: “Sono io la vera vittima”

Inutile dire che in tanti, dopo aver visto la serie Tv Baby Reindeer, hanno cercato informazioni sulla storia vera e, soprattutto, sulla vera Martha. Molti l’hanno trovata e alcuni hanno cominciato ad insultarla anche sui social. La diretta interessata ha deciso di rompere il silenzio, dando una versione dei fatti differente da quella di Richard Gadd.

baby reindeer storia vera

La vera Martha, che è davvero una donna scozzese, al Daily Record ha detto: Sono io la vittima qui, non Richard Gadd. Ho ricevuto minacce di morte a causa del suo spettacolo nonostante il fatto che molte delle cose che ha affermato non siano vere. Così han raccontato: Sono stata in compagnia di Richard Gadd in alcune occasioni, ma non l’ho perseguitato come sostiene. La sua storia è una grave intrusione nella mia privacy. Non lo vedo da 12 anni. Ho letto che aveva scritto quello spettacolo quattro o cinque anni fa e ho pensato: mio Dio! Questo fine settimana ho cercato su Google e le storie su Richard Gadd e Baby Reindeer erano ovunque.

LEGGI ANCHE: ONE PIECE 2, QUAL È LA DATA D’USCITA DELLA SERIE TV NETFLIX? NUOVI AGGIORNAMENTI

Immagini nell’articolo tratte dal profilo Instagram di Netflix.